AIUTI ALL’AVVIAMENTO DI IMPRESE PER I GIOVANI AGRICOLTORI

Programma di Sviluppo Rurale 2014/2020 - Sottomisura 6.1 - Bando 2022

Data di pubblicazione:
08 Febbraio 2022
Immagine non trovata

La sottomisura 6.1 “aiuti all'avviamento di imprese per i giovani agricoltori” è articolata in un unico tipo d’intervento (6.1.1) e contribuisce direttamente alla focus area 2B) “Favorire l’ingresso di agricoltori adeguatamente qualificati nel settore agricolo e, in particolare, il ricambio generazionale”.

A tal fine sostiene, attraverso un premio forfettario di insediamento, l’avvio di nuove imprese gestite da giovani agricoltori che si insediano per la prima volta nell’azienda agricola in qualità di capo azienda. Il premio forfettario di insediamento è concesso previa presentazione e approvazione di un business plan.

Il business plan dovrà descrivere il percorso imprenditoriale e quindi le necessità di sostegno finanziario per l’avviamento dell’attività d’impresa, nonché gli investimenti materiali e immateriali e gli altri eventuali costi necessari alla realizzazione di obiettivi di sviluppo aziendale sostenibili da un punto di vista economico e ambientale.

Beneficiari del sostegno, importi e aliquote del sostegno

Beneficiari del sostegno sono i giovani agricoltori che si insediano per la prima volta in un’azienda agricola in qualità di capo dell’azienda.

Il sostegno è concesso sotto forma di premio forfettario per l’avviamento dell’attività imprenditoriale da parte del giovane agricoltore. I beneficiari del premio devono essere residenti in Sardegna e in possesso della cittadinanza di uno degli Stati membri dell'U.E. o status parificato.

L’importo forfettario del premio per l’avviamento dell’attività imprenditoriale da parte del giovane agricoltore è fissato in € 35.000,00.

In applicazione dell’art. 48 del Regolamento (UE) n. 809/2014, è escluso il sostegno a giovani che hanno beneficiato di finanziamenti pubblici già erogati con la medesima finalità della sottomisura 6.1.

Condizioni di ammissibilità relativi al beneficiario

  1. Età compresa tra 18 anni compiuti e 41 anni non ancora compiuti al momento della presentazione della domanda. La data di presentazione della domanda di sostegno coincide con la data della sua trasmissione telematica.
  2. Possesso di qualifiche e competenze professionali adeguate.
  3. La qualifica e competenza professionale è soddisfatta nei seguenti casi: 1) possesso di titolo diploma di laurea in materia agraria, veterinaria, della scienza delle produzioni animali o della scienza delle tecnologie alimentari ovvero diploma universitario per le medesime aree professionali; 2) abilitazione all’esercizio della professione in una delle materie di cui al punto precedente; 3) diploma di scuola media superiore in materia agraria; 4) possesso del titolo di qualifica rilasciato dall’Istituto Professionale per l’agricoltura a conclusione del terzo anno; 5) frequenza di un corso di formazione finalizzato all’acquisizione di competenze e conoscenze in campo agricolo; 6) svolgimento di attività lavorativa in campo agricolo come lavoratore subordinato o autonomo (artt. 2094 e 2222 del c.c.) per un periodo di tre anni - anche non continuativi, attestata da idonea documentazione (ad es. certificazioni fiscali o previdenziali).